Cala la cassa integrazione in Piemonte

“La diminuzione della cassa integrazione in Piemonte  è un segnale positivo”, commenta Api Torino.

“La diminuzione della cassa integrazione in Piemonte nel secondo trimestre del 2015 a 24,8 milioni di ore contro le 25,8 del trimestre precedente  e le 27,8 dello stesso periodo del 2014, è certamente un buon segno che, tuttavia, non deve far dimenticare gli oggettivi problemi entro i quali il sistema produttivo regionale si trova ancora ad agire”.  E’ in questo modo che Corrado Alberto – presidente di API Torino -, commenta i dati sulla cassa integrazione resi noti oggi dall’Osservatorio Cisl Piemonte.

Alberto poi aggiunge: “Potremo attenderci una reale ripresa dell’occupazione, quando ci saranno segnali di continuità e maggiore stabilità dei mercati che ancora mancano. Servono riforme più decise e un forte abbattimento della burocrazia per il miglioramento della nostra competitività. Anche a livello locale”.

“Da parte nostra – conclude Alberto -, confermiamo la disponibilità del sistema delle PMI di Torino e del Piemonte a prendere parte a tutte le azioni possibili per non farci sfuggire l’efficacia dei timidi segnali di ripresa che in qualche modo si possono scorgere”.

Related Posts

Sicurezza sul lavoro, l’attenzione delle PMI
Cyber Security
Api Torino e le opportunità di industria 4.0