ECOMONDO il futuro che vogliamo

È molto suggestivo sapere che possiamo costruire il nostro futuro. Un futuro che si costruisce è depurato da quella coltre di mistero che ha fatto e fa la fortuna di profeti, astrologi e via dicendo.

Esso porta con sé una forte connotazione di progresso senza il quale l’umanità non sarebbe giunta ai livelli odierni, malgrado le contraddizioni che la marcano (per chi ne avesse voglia consiglio di andarsi a leggere il paradosso di Angus Deaton, recente vincitore del premio Nobel per l’economia). Oggi il progresso non è solo correlato al livello di innovazione tecnologica raggiunta, ma anche al miglioramento della qualità della vita che ne deriva. Costruire il futuro, come lo vogliamo davvero, è il nuovo paradigma degli anni a venire, magari incentrato sull’economia “verde” quella delle città sostenibili, dei processi di lavorazione sostenibili, della gestione ecologica delle risorse organiche e dell’impiego di energie rinnovabili, in altre parole dello sviluppo sostenibile. Proprio su questo tema è imperniato il grande appuntamento internazionale Ecomondo, che si terrà a Rimini dal 3 al 6 novembre, un’appendice ideale di Expo Milano 2015, visto che tra i tanti temi trattati dalla manifestazione ci sarà anche quello legato allo sviluppo di una catena alimentare più efficiente per assicurare un cibo sicuro e di qualità, con processi sostenibili e per una fetta della popolazione mondiale più grande possibile.

Nell’economia europea, in ripresa ma ancora troppo stagnante, il nuovo modello di business che ci propone Ecomondo può rappresentare per molte aziende l’inizio di una nuova rivoluzione “mentale” che andrà di pari passo con quella industriale sancita da “Internet of things”.Watch Full Movie Online Streaming Online and Download

 

Fabio Chiavieri

Watch Below Her Mouth (2017) Full Movie Online Streaming Online and Download

Related Posts

L’80% degli imprenditori italiani mette la digitalizzazione al primo posto
Industry 4.0
Ambiente spa tra le più innovative della green economy