La rivoluzione Yaskawa nella saldatura spot

Per Yaskawa il 2016 è l’anno del lancio ufficiale della Spot Welding Solution che ha rivoluzionato la saldatura spot nel settore Automotive, interamente progettata, costruita e installata grazie al know-how interno.

 

La Yaskawa Spot Welding Solution è composta dal posizionatore con robot on board, dai robot di saldatura di piccola taglia (MS e VS Series) o il nuovo Yaskawa VS100 (a 7 assi con enorme raggiungibilità grazie al settimo asse – E – inserito tra i tradizionali assi L ed U Yaskawa), dalla Light Welding Gun, dalle attrezzature e dalla Nut Welding Machine.

La novità è rappresentata dall’intero processo di approccio alla saldatura Spot, il focus è sulla soluzione non solo sui singoli prodotti a marchio.

I vantaggi della Spot Welding Solution per l’utilizzatore sono:

  • soluzione compatta, risparmio di spazio fino al 40%;
  • controllo completo della soluzione, grazie ai prodotti totalmente a marchio Yaskawa;
  • migliore accessibilità sulle parti da saldare;
  • facile da spostare, è composta da un solo blocco;
  • facile da installare e Set-up ridotti dal cliente, nessun re-teach sul posto;
  • facile da programmare, posizione ergonomica per l’operatore;
  • concept flessibile – Flessibilità 0-100 da un prodotto all’altro;
  • robot on board in posizione frontale, può facilmente scaricare l’elemento senza interferenze;
  • più veloce che mai, con risparmio sul tempo ciclo (tempo stimato di circa 6” per rotazione).

 

Pineze Light Welding Gun

L’intera gamma di pinze a fulcro e corsoio è configurabile molto semplicemente rispetto alla versione standard, pronta per essere flessibile e disponibile ad adattarsi alle differenti necessità dell’elemento da saldare.

I vantaggi delle pinze per l’utilizzatore sono:

  • non hanno pneumatica;
  • sono costituite da tre componenti (corpo pinza, trasformatore e motore) per la massima semplicità della struttura;
  • possono ricevere i cavi anche lateralmente per garantire una migliore rotazione del polso del robot;
  • minori consumi energetici;
  • montaggio su robot di peso inferiore;
  • maggior semplicità di installazione;
  • standardizzazione della pinza con maggior possibilità di personalizzazione partendo dalla soluzione standard.

 

Nut Welding Machine

La Nut Welding Machine è la novità progettata e costruita da Yaskawa per il completamento del processo di saldatura. È composta da una struttura elettrosaldata, regolabile in diverse posizioni e testa superiore.

Sul lato della saldatrice, destro o sinistro in base alle esigenze, trova posto il robot MH5 di manipolazione con supporto fissato alla struttura e un gruppo di asservimento dell’elemento da saldare (dado/boccola/perno).

Sul retro della struttura si trova un armadio contenente un vibratore con la selezione dell’elemento da saldare, il controllo del robot di manipolazione e il timer del trasformatore. Gli elementi da saldare sono caricati nel vibratore e, tramite la vibrazione, portati in prossimità del gruppo di asservimento. Quando il singolo elemento giunge in posizione può essere prelevato dal robot MH5 di manipolazione che lo deposita sull’attrezzaggio dove è già presente il particolare di lamiera. Il servo-motore porta a contatto la parte mobile dell’attrezzaggio con l’elemento che si trova a contatto con il particolare di lamiera. Tramite pressione e passaggio di corrente, le bugne dell’elemento (dado/boccola/perno) vengono fuse con il particolare di lamiera.

I vantaggi della Nut Welding Machine per l’utilizzatore sono:

  • autonomia, grazie all’integrazione dei sui elementi;
  • maggior efficienza e affidabilità;
  • manutenzione immediata;
  • rapidità di set-up in caso di cambio elemento.

La Yaskawa Spot Welding Solution – in mostra alla fiera Automatica di Monaco di Baviera i prossimi 21-24 giugno

Pad. B26, stand 502

Scarica l’edizione completa 2-2016: 

<a href="http://www.rivistainnovare viagra sur ordonnance.com/wp-content/uploads/2016/05/innovare_2_2016.pdf”>http://www.rivistainnovare.com/wp-content/uploads/2016/05/innovare_2_2016.pdf

Related Posts

Automatica 2016: il futuro!