Bucato pulito senza detersivo

un sacchetto di magnesio ecologico che lava la biancheria senza l’utilizzo di saponi.

Si chiama TerraWash arriva dal Giappone e in Italia è distribuito da The Wellness Store, azienda vercellese.

TerraWash pulisce il bucato senza l’uso di detersivi: è ipoallergenico, ad inquinamento zero, più efficace contro gli odori e si utilizza per un anno. Il segreto è tutto nel magnesio. «A contatto con l’acqua il magnesio sprigiona bollicine di idrogeno e va a formare acqua alcalina ionizzata che riesce a pulire a fondo la biancheria senza l’uso di detersivi. Non c’è nulla di miracoloso, è una semplice reazione chimica». È una sintesi estremamente condensata quella che fa Giuseppe Re, amministratore di The Wellness Store. L’azienda con sede a Pezzana (VC) è l’importatore ufficiale di TerraWash, l’innovativo sacchettino che permette di fare il bucato senza l’uso di detersivi, con un impatto zero sull’ambiente. Il prodotto 100% green arriva dal Giappone e sta conquistando sempre più affezionati. «In circa un anno e mezzo di presenza in Italia, TerraWash è stato scelto da oltre 3.500 famiglie», aggiunge Re. «In Giappone, dove il prodotto è presente sul mercato da quasi sei anni, ammontano a oltre un milione i pezzi venduti. Segnali positivi arrivano anche dai mercati europei ed asiatici perché l’attenzione all’ambiente è un tema che sta sempre più a cuore».

Premiato con l’Organic Innovation Gold Award al Natexpo 2017 di Parigi, il salone internazionale dei prodotti biologici, ha inoltre ricevuto al Sana 2017 di Bologna, il salone internazionale del Biologico e del Naturale, il premio “Blogger for Sana” come miglior novità nella categoria Green Lifestyle. Dopo il grande successo dello scorso anno, TerraWash rinnova la sua presenza a Fa’ la cosa giusta!, la più grande fiera italiana del biologico, che si terrà dall’8 al 10 marzo a Milano.

«Il rispetto dell’ambiente deve necessariamente passare dalle scelte che facciamo ogni giorno, dallo stile di vita che seguiamo a ciò che mettiamo nel carrello del supermercato. E le nuove conoscenze e la tecnologia ci aiutano a fare dei passi in questa direzione. È così, per esempio, per quanto riguarda le auto: non è un mistero la virata che sempre più Stati stanno facendo per limitare le macchine a gasolio e incentivare la mobilità elettrica. Può essere così anche per quanto riguarda un gesto banale, quanto quotidiano, quale è quello di fare il bucato». Per Re è una questione di cambio di prospettiva: «Basta guardare alle nostre azioni da un punto di vista diverso per capire che possiamo fare molto per il nostro ambiente. TerraWash è un approccio differente al mondo del pulito». Un approccio dai molti vantaggi: «Ha un impatto ambientale praticamente quasi nullo – spiega -. Considerando 5-6 lavaggi a settimana, TerraWash ha una durata di circa un anno. Igienizza e pulisce i capi e mantiene pulita anche la lavatrice, evitando l’accumulo dei residui tipici dei detersivi; inoltre, rispetto ai detersivi tradizionali è dieci volte più efficace contro gli odori ed è ipoallergenico, quindi ideale per persone con pelle sensibile e per chi soffre di allergie e di sensibilità chimica multipla – MCS».

In concreto, TerraWash si presenta come un sacchettino che contiene palline di magnesio puro al 99,95%; non ci sono sbiancanti ottici, profumi, allergeni ed enzimi. Il suo utilizzo è estremamente semplice: è sufficiente inserirlo nel cestello della lavatrice insieme alla biancheria sporca e scegliere il programma di lavaggio. Ci sono però alcune accortezze da prevedere: in caso di macchie ostinate, è consigliato pretrattare il capo prima del ciclo di lavaggio per avere un risultato migliore; dato che TerraWash è inodore, per dare profumazione alla biancheria si può utilizzare qualche goccia di olio essenziale. Come i comuni detersivi, TerraWash alza il pH dell’acqua e l’acqua alcalina può essere aggressiva sulle proteine animali. Per cui, per capi in lana e seta viene consigliato l’uso di un detersivo specifico.
Info: www.terrawash.it

 

 

Related Posts

Nasce E-cube la nuova Banca dell’energia
Aggiornamento mensile – temperatura media dell’aria in superficie
Energia le 8 regole per trovare il fornitore più conveniente